UIA, aperto il secondo bando per soluzioni urbane innovative!

8409

È ora aperto il secondo bando dell’Urban Innovative Action Initiative per azioni innovative di sviluppo urbano sostenibile, finanziate con il supporto del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per 50 milioni di euro. La scadenza è fissata al 14 aprile 2017.

I temi affrontati dal bando sono strettamente legati a quelli definiti nell’Agenda Urbana europea e i progetti devono rispondere a uno solo di questi:

  • Integrazione dei migranti e dei rifugiati

Azioni per facilitare l’integrazione di lungo periodo di migranti e rifugiati nel tessuto sociale urbano. Tali azioni possono riguardare la sfera sociale, educativa, sanitaria, le soluzioni di housing, la riqualificazione di aree urbane disagiate, la promozione di start-up, ecc. e possono essere rivolte in modo specifico a gruppi vulnerabili come donne, minori non accompagnati e giovani migranti.

  • Economia circolare

Attività che allevino l’impatto della popolazione urbana sull’ambiente e sul depauperamento delle risorse, cercando soluzioni innovative per stili di produzione e consumo alternativi, produzione e gestione dei rifiuti, risparmio energetico, sfruttamento di risorse alternative, economia collaborativa, scarsità d’acqua, sensibilizzazione dei cittadini.

  • Mobilità urbana sostenibile

Promozione di soluzioni di trasporto alternative e intelligenti, meno inquinanti e in grado di diminuire il traffico urbano. Costruzione di infrastrutture pronte per affrontare i cambiamenti climatici in modo da prevenire i potenziali danni, e quindi i costi e i disservizi, dati dall’impatto dei cambiamenti climatici attesi.

Tutte le azioni previste implicano un coinvolgimento a più livelli (sociale, economico, tecnologico, ambientale) che necessita il contatto diretto con la comunità e i cittadini.

Possono presentare la candidatura:

  • le autorità urbane di unità amministrative locali (città, paese o sobborgo) con almeno 50.000 abitanti.
  • le associazioni o gruppi di autorità urbane di unità amministrative locali (anche transfrontaliere) in cui la popolazione totale raggiunga almeno i 50.000 abitanti.

Le autorità urbane promotrici del progetto devono costruire una partnership forte a livello locale coinvolgendo il giusto numero e tipo di enti complementari. Tutti i componenti del partenariato devono essere localizzati negli Stati membri UE.

I progetti riceveranno un cofinanziamento FESR a copertura di max. l’80% dei costi totali ammissibili. La durata massima dei progetti è di 3 anni.

Fino a febbraio 2017 si svolgeranno seminari e webinar per i soggetti interessati a partecipare al bando. Aggiornamenti nella sezione News & Events del sito di UIA Initiative.

Per approfondimenti: http://www.uia-initiative.eu/en/call-proposals