Bando Erasmus+ per la sperimentazione di politiche innovative per l’istruzione!

385

Il programma Erasmus+ ha aperto un nuovo bando nell’ambito dell’Azione Chiave 3 – Sostegno alle riforme delle politiche, dal titolo Sperimentazioni di politiche europee nel campo dell’istruzione e della formazione condotte da autorità pubbliche di alto livello”.

L’obiettivo generale è promuovere il miglioramento dell’efficacia ed efficienza dei sistemi di istruzione e formazione attraverso la raccolta e la valutazione di elementi di prova riguardanti l’impatto sistemico di misure politiche innovative.

 Il bando richiede il coinvolgimento di autorità pubbliche ad alto livello dei paesi ammissibili e l’impiego di metodi di valutazione validi e ampiamente riconosciuti basati su prove sul campo.

Gli obiettivi specifici sono:

— promuovere la cooperazione transnazionale e l’apprendimento reciproco fra le autorità pubbliche al massimo livello istituzionale dei paesi ammissibili per promuovere miglioramenti sistemici e innovazioni nei settori dell’istruzione e della formazione;

— rafforzare la raccolta e l’analisi di elementi di prova sostanziali per garantire un’attuazione efficace delle misure innovative;

— favorire la trasferibilità e la scalabilità delle misure innovative.

I temi prioritari sono:

— promozione dell’inclusione sociale e dei valori comuni dell’UE attraverso l’apprendimento formale e non formale;

— diffusione e ulteriore sviluppo di metodi pedagogici multilingui nell’istruzione scolastica (per esempio lavorando in classi multilingui/con bambini bilingui), nonché sostegno agli insegnanti e alla loro formazione per far fronte alla diversità di provenienza degli alunni;

valutazione digitale: individuare le migliori pratiche nei settori dell’istruzione e nei paesi e sviluppare le migliori pratiche e la sperimentazione;

insegnanti e formatori IFP nell’apprendimento sul lavoro/apprendistato;

— attuazione di percorsi di miglioramento del livello delle competenze per adulti privi di un titolo di istruzione secon­daria superiore o equivalente;

— politiche e incentivi per sostenere l’insegnamento innovativo e la formazione pedagogica nell’istruzione superiore, anche attraverso l’istruzione aperta e digitale;

— creazione di un polo europeo per l’apprendimento online, la mobilità mista/virtuale, campus virtuali e lo scambio collaborativo di migliori pratiche.

I proponenti ammissibili sono:

> autorità pubbliche (ministero o equivalente) responsabili in materia di istruzione e formazione al massimo livello nel contesto nazionale o regionale pertinente (corrispondenti ai codici NUTS 1 o 2);

> organizzazioni o istituzioni pubbliche o private attive nel campo dell’istruzione, della formazione o in altri campi pertinenti;

> organizzazioni o istituzioni pubbliche o private che svolgono attività intersettoriali legate all’istruzione e alla forma­zione in altri settori socioeconomici.

Il partenariato deve includere almeno 4 enti di almeno 3 paesi ammissibili (Stati membri dell’UE, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Turchia). Almeno 3 devono essere autorità pubbliche ad alto livello o organismi delegati.

Il bilancio totale disponibile ammonta a 10 milioni di EUR. Il contributo finanziario dell’UE non potrà superare il 75 % del totale dei costi ammissibili. La sovvenzione massima per progetto sarà di 2 milioni di EUR.

Le candidature dei progetti si svolgeranno in due fasi. La candidatura preliminare ha scadenza il 10 aprile 2018. La candidatura completa delle proposte che avranno superato la 1° fase dovrà avvenire entro il 25 settembre 2018.

Maggiori informazioni su questo sito.