Interreg ADRION: aperto 2° bando su ambiente e patrimonio culturale!

778

Il programma Interreg ADRION per la cooperazione territoriale nell’area adriatica ha lanciato il 2° bando per progetti con scadenza il 26 giugno 2018.

Il bando è circostanziato all’Asse prioritario 2 – Regione sostenibile che comprende 2 Obiettivi Specifici e relativi sottotemi:

Obiettivo specifico 2.1: Promuovere la valorizzazione sostenibile e la conservazione di beni naturali e culturali come beni di crescita nell’area Adriatico-Ionica

Topic 1: Preservare, capitalizzare e innovare il patrimonio culturale e naturale

Topic 2: Monitorare, valutare e mitigare la pressione ambientale e sociale derivata dal turismo

Topic 3: Sviluppare il turismo sostenibile riducendo gli agenti inquinanti

Obiettivo specifico 2.2: Migliorare la capacità di affrontare in maniera transnazionale la vulnerabilità ambientale, la frammentazione e la salvaguardia dei servizi ecosistemici nell’area adriatico-ionica

Topic 1: Implementare attività di ricerca e valutazione per proteggere e gestire i paesaggi e gli habitat terrestri e marittimi anche attraverso attività di sensibilizzazione ed educazione ambientale

Topic 2: Gestire e prevenire la diffusione dell’inquinamento

Topic 3: Gestire e prevenire i rischi naturali e antropici

Ciascuna proposta di progetto deve affrontare un solo sottotema. Solo in casi debitamente giustificati, è possibile trattare fino a 2 sottotemi all’interno dello stesso obiettivo specifico.

Il programma ADRION comprende 4 Stati membri UE e 4 paesi IPA: Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Molise, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sicilia, Umbria, Veneto); Slovenia; Grecia; Croazia; Albania; Bosnia Erzegovina; Montenegro; Serbia.

Ogni progetto deve coinvolgere almeno 6 partner di 6 diversi paesi di cui almeno 4 partner di 4 diversi paesi rientranti nel FESR e almeno 2 partner di 2 diversi paesi IPA. Il partenariato può includere al massimo 2 partner dello stesso paese.

Possono partecipare al bando: enti pubblici nazionali, regionali e locali, GECT, enti governati dal diritto pubblico. Il bando è aperto anche ad enti privati e organizzazioni internazionali con almeno 2 anni di vita al momento della candidatura.

Il budget complessivo ammonta a 34.354.026,50 EUR. Il singolo progetto potrà ricevere un contributo massimo di 2.500.000 EUR. In ogni caso tale contributo non potrà coprire più dell’85% dei costi totali ammissibili. La durata massima dei progetti è di 30 mesi.

Maggiori informazioni su questo sito!