EIDHR: bando globale 2018 su LGBTI, pena di morte e libertà di espressione!

133

Lo Strumento europeo per la democrazia e i diritti umani – EIDHR ha aperto il bando globale 2018, che funzionerà in due fasi, con scadenza per le candidature del concept note fissata al 21 dicembre 2018. I proponenti dei concept note valutati positivamente verranno invitati in seguito a presentare la candidatura completa.

Il bando si articola in 3 Lotti, ciascuno a sua volta declinato in diversi obiettivi specifici:

LOTTO 1: Sostegno ai Difensori dei Diritti Umani per le persone LGBTI e alle loro organizzazioni operanti in aree in cui gli LGBTI sono ad alto rischio di discriminazione

Nel Lotto 1, le proposte devono affrontare almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:

>proteggere i Difensori dei Diritti Umani per le persone LGBTI e le loro organizzazioni da minacce di breve e lungo termine e sostenere la loro sicurezza preventiva;

>sviluppare le capacità dei Difensori dei Diritti Umani per le persone LGBTI di sostenere iniziative locali e movimenti dal basso e incoraggiare la creazione di alleanze e network LGBTI con affiliati in situazioni ad alto rischio;

>rafforzare l’advocacy dei Difensori dei Diritti Umani degli LGBTI a livello locale, regionale e internazionale, promuovere le riforme politiche e fare opera di sensibilizzazione sulle violazioni dei diritti umani verso le persone LGBTI;

>sostenere la capacità dei Difensori dei Diritti Umani degli LGBTI di condurre controversie strategiche, documentare e denunciare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere e promuovere lo sviluppo di capacità delle forze di sicurezza.

LOTTO 2: Sostenere l’azione della società civile verso l’abolizione universale della pena di morte

Nel Lotto 2, le proposte devono affrontare almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:

>favorire la riforma legale per abolire la pena di morte, stabilire una moratoria e/o restringere l’uso della pena di morte;

>promuovere il rispetto del diritto a un giusto processo e la garanzia di standard minimi per coloro che fanno fronte alla pena di morte

>sviluppare le capacità e la sensibilizzazione di operatori legali e amministrativi, società civile, giovani, media e altri stakeholder sulla pena di morte;

>migliorare la trasparenza e l’accesso a un’informazione accurata sulla pena di morte.

LOTTO 3: Sostenere l’attivismo e la partecipazione dei cittadini sfruttando le tecnologie digitali

Nel Lotto 3, le proposte devono affrontare almeno uno dei seguenti obiettivi specifici:

>difendere la libertà di espressione e la diversità dell’opinione pubblica e contrastare l’incitamento all’odio online, specie in tempi di tensione sociale e crisi

>contrastare la disinformazione, promuovere le fonti indipendenti attendibili e facilitare l’accesso all’informazione sulle questioni pubbliche da parte dei cittadini

>promuovere l’assunzione di responsabilità nella fornitura di servizi e nella gestione dei fondi pubblici.

Possono partecipare enti no profit senza restrizioni geografiche appartenenti alle seguenti categorie: organizzazioni della società civile, istituzioni nazionali per i diritti umani, Ombudsman e università. I progetti possono essere presentati da proponenti singoli o in partenariato.

Il budget totale a disposizione è di 22 milioni di EUR, così suddivisi:

>Lotto 1: 10 milioni di EUR (contributo per progetto compreso tra 500 000 e 2 milioni di EUR)

>Lotto 2: 7 milioni di EUR (contributo per progetto compreso tra 500 000 e 1,5 milioni di EUR)

>Lotto 3: 5 milioni di EUR (contributo per progetto compreso tra 1 e 2,5 milioni di EUR)

Il cofinanziamento UE può coprire dal 51% al 95% dei costi totali del progetto.

Maggiori informazioni disponibili sul sito della DG DEVCO.