Piccole azioni per combattere il cambiamento climatico ed entrare a far parte della Generazione Fame Zero!

285

Secondo l’ultimo rapporto “The State of Food  Security and Nutrion in the World” il numero di persone che soffre la fame nel mondo continua ad aumentare e colpisce  821 milioni di individui. Il secondo obiettivo sostenibile del millennio Achieve zero hunger ,da raggiungere entro il 2030, sembra sempre più lontano.

Uno dei fattori maggiormente responsabili è il cambiamento climatico al quale abbiamo assistito negli ultimi anni. I recenti e non sempre prevedibili stravolgimenti climatici, quali a titolo di esempio lo scioglimento dei ghiacciai, le frequenti alluvioni e l’aumento della temperatura, incidono negativamente  sulla produzione dei beni alimentari e sulla possibilità di accesso al cibo. Sono fattori che a lungo termine determinano un aumento dei conflitti per le risorse ed intensi fenomeni di migrazione.

E’ urgente riuscire a frenare il cambiamento climatico e ognuno di noi può dare un contributo in tal senso, compiendo piccole azioni nella quotidianità che hanno però un impatto significativo.

A questo proposito un recente articolo della FAO (5 climate actions we can all take for a #ZeroHunger World), suggerisce cinque climate actions che sicuramente hanno riscontro positivo in una situazione climatica in continuo mutamento, e che riassumeremo qui:

  1. Adottare una dieta più sostenibile e differenziata: si possono scegliere cibi che non abbiano un impatto negativo sull’ambiente. Ad esempio, buona abitudine sarebbe ridurre il consumo di carne, la cui produzione richiede grandi quantitativi di acqua. Se seguissimo una dieta prevalentemente vegetariana, potremmo ridurre di quasi la metà le risorse idriche necessarie per la produzione di cibo.

 

  1. Ridurre gli sprechi di cibo: ogni anno sprechiamo almeno un terzo del cibo che produciamo, comprendendo tutte le risorse necessarie per produrlo (non solo acqua, ma anche lavoro e trasporto).

 

  1. Usare meno acqua: nello nostre abitazioni, lo spreco maggiore di acqua è dovuto alla produzione di rifiuti. Meno rifiuti significherebbe meno spreco di risorse idriche necessarie per la produzione.

 

  1. Mantenere l’acqua e il suolo puliti: particolari prodotti come batterie, cellulari, computer, ma anche medicine, sono beni non biodegradabili e quindi non possono essere buttati nella spazzatura domestica. Il rischio è infatti l’inquinamento del suolo e di tutte le riserve idriche necessarie per la produzione di cibo.

 

  1. Supportare i produttori locali: è preferibile scegliere prodotti locali e biologici, sia per aiutare i contadini colpiti dal cambiamento climatico, sia per ottenere risparmi in termini di trasporto su lunga distanza, e quindi di utilizzo di mezzi pesanti.

 

Questa lista rappresenta un punto di partenza, per spronarci ad essere soggetti attivi nel frenare il cambiamento climatico. Naturalmente ci sono tanti altri piccoli gesti che potremmo adottare nella nostra quotidianità:

  • Cambiare il modo di usare i mezzi di trasporto: si potrebbe utilizzare meno l’automobile, ed in sostituzione incrementare l’utilizzo di biciclette, di autobus o fare riferimento al servizio di car sharing quando più persone devono raggiungere lo stesso posto. Laddove possibile sarebbe buona prassi prendere il treno invece dell’aereo.
  • Utilizzare gli Elettrodomestici più efficienti: è buona abitudine in casa cercare di utilizzare apparecchiature a basso consumo di energia, lavatrice, lavastoviglie, ma anche lampadine, per una maggiore tutela dell’ambiente. E’ consigliabile evitare di utilizzare in modo eccessivo il riscaldamento d’inverno e il condizionamento d’estate.
  • Per diminuire il fenomeno della deforestazione, che gioca un ruolo di responsabilità nel surriscaldamento globale, sarebbe ottimale acquistare carta riciclata e legno solo certificato.

 

E voi, avete qualche idea attuabile nella vita di ogni giorno per frenare il cambiamento climatico?

Volete contribuire a ridurre il problema della fame e divenire parte della Generazione Zero Hunger?

Partecipate a WaterExplorer, il programma destinato agli studenti dagli 8 ai 14 anni, ed aiutateci a tutelare e valorizzare il Nostro Pianeta!

 

Per partecipare al programma e per saperne di più scrivici a waterexplorer_it@ineuropa.info oppure registrati direttamente su www.waterexplorer.org/italia