Parte il progetto Freeway – Europa Creativa

227

E’ partito ufficialmente il progetto europeo FREEWAY – Free man Walking – theatre as a tool for detainees’ integration, sostenuto dal programma Europa Creativa – progetti culturali, ideato e capofilato da Teatro dei Venti di Modena, che vede il coinvolgimento attivo di 3 organizzazioni partner: Aufbruch (Germania), Jubilo (Polonia) e UPSDA (Bulgaria).

Il Kick off meeting ha aperto i lavori il 18 novembre nella sala di rappresentanza del Comune di Modena, dove è stata organizzata una conferenza stampa alla presenza dei 3 partner europei, delle istituzioni locali, delle direttrici di 2 istituti penitenziari di Modena e Castelfranco Emilia insieme alle educatrici, rappresentanti del coordinamento del teatro carcere Emilia-Romagna e una rappresentanza del Provveditorato dell’Amministrazione Penitenziaria. L’incontro di avvio del progetto ha poi avuto luogo alla Casa Circondariale S. Anna di Modena e in seguito al Teatro dei Segni (sede del Teatro dei Venti) e alla Casa di Reclusione di Castelfranco Emilia, dove si sono conclusi i lavori il 19 novembre.

Durante questi 2 giorni, i partner hanno presentato e condiviso l’attività artistica che conducono nelle carceri del proprio paese, evidenziando anche punti di forza e di debolezza, hanno analizzato tutte le attività del progetto, identificando le modalità operative in particolare delle prime attività in partenza, come la comunicazione, la selezione degli operatori teatrali e le study -visit nei vari paesi.

Durante il meeting, a cui hanno partecipato anche alcuni detenuti sia di Modena che di Castelfranco Emilia, è stato scelto il Logo del progetto, a partire dai disegni che sono stati preparati dai detenuti attori che partecipano alle attività teatrali a Modena.
Si sono poi discussi gli aspetti di gestione tecnica e finanziaria del progetto e si sono definiti i prossimi step.

C’è stato anche modo di condividere i problemi e le esigenze legate alla pratica del teatro in carcere, per migliorare l’efficacia, la fattibilità e la sostenibilità del lavoro teatrale in questo particolare contesto, come mezzo di inclusione per i detenuti e coesione per tutta la società.

InEuropa ha partecipato a questo primo incontro facilitando il processo di avvio di FREEWAY, guidando i partner all’interno delle attività di comunicazione e di gestione amministrativa e finanziaria del progetto stesso.

whatsapp-image-2019-11-18-at-12-35-19img_3624

img_3640

img_3684img_3700img_3709img_3712img_3727img_3740img_3743img_3745img_3746img_3671