Nuovo bando Erasmus+ per sperimentare politiche innovative su istruzione e formazione

245

Il programma Erasmus+ ha pubblicato un nuovo bando nell’ambito dell’Azione Chiave 3 – Sostegno alle riforme delle politiche, dal titolo “Sperimentazioni di politiche europee nel campo dell’istruzione e della formazione condotte da autorità pubbliche di alto livello”.

L’obiettivo principale del bando è la promozione di misure innovative e miglioramenti sistemici nei settori dell’istruzione e della formazione attraverso la cooperazione transnazionale e l’apprendimento reciproco, rafforzare la raccolta e l’analisi di elementi di prova sostanziali per garantire un’attuazione efficace delle misure innovative e favorirne la trasferibilità e la scalabilità.

Il bando si divide in 2 Lotti che comprendono 2 temi prioritari:

LOTTO 1

  • Istruzione e competenze digitali
  • Insegnamento e insegnanti

LOTTO 2

  • Meccanismi di finanziamento per il miglioramento delle competenze e la riconversione professionale, compresi sistemi simili agli Individual Learning Account (carte di credito formativo individuale)
  • Politiche e processi a sostegno della convalida dell’apprendimento non formale e informale, anche mediante orientamenti efficaci

Possono partecipare autorità pubbliche come Ministeri o equivalenti, organizzazioni pubbliche o private che operano nel campo dell’istruzione o a livello intersettoriale, come ad esempio le ONG o i servizi di formazione e orientamento.

I paesi ammissibili sono gli stati membri dell’UE, l’Islanda, il Liechtenstein, la Norvegia, la Macedonia del nord, la Turchia e la Serbia.

Ogni partenariato deve coinvolgere almeno 3 autorità pubbliche di diversi paesi e un organismo pubblico o privato con esperienza nell’analisi e nella valutazione dell’impatto delle politiche. La proposta di progetto deve essere coordinata da un’autorità pubblica o da un organismo privato o pubblico delegato dall’autorità pubblica.

Le attività possono avere una durata compresa tra 24 e 36 mesi.

Il bando dispone di un budget totale di 14.000.000 EUR. Il contributo finanziario dell’UE non potrà superare il 75% del totale dei costi di progetto ammissibili.

Le candidature seguono una procedura in 2 fasi. La scadenza per presentare le proposte preliminari è il 21 aprile 2020. Solo quelle valutate positivamente a questa fase potranno presentare la candidatura completa entro il 24 settembre 2020.

Maggiori informazioni su questo sito.