Sostenibilità, digitale e migrazione al centro del programma di lavoro UE 2020

285

Il 29 gennaio la Commissione europea ha adottato il programma di lavoro per il 2020 delineando gli interventi che verranno attuati nel corso dell’anno per trasformare gli orientamenti politici della Presidente Ursula von der Leyen in risultati concreti a favore di cittadini, imprese e società, per la “costruzione di un’Europa più ambiziosa”.

La Commissione, impegnata a favorire la transizione digitale ed economica, si focalizzerà su sei tematiche che saranno oggetto di negoziazione con il Parlamento, gli Stati membri e altri partner:

– Un Green Deal europeo: la Commissione proporrà una nuova normativa sul clima per raggiungere la neutralità in termini di emissioni di carbonio entro il 2050, contribuendo al patto climatico europeo che coinvolgerà regioni, comunità locali, società civile, industria. L’Unione europea parteciperà inoltre, nel ruolo di guida, ai negoziati per la definizione della COP 26 di Glasgow.

– Un’Europa pronta per il digitale: verrà definita una nuova strategia europea in materia di dati che permetterà l’utilizzo massimo dei dati non personali, permettendo di sfruttare al meglio il potenziale dei dati digitali. Inoltre, particolare attenzione sarà rivolta allo sviluppo di un’intelligenza artificiale in linea con i nostri diritti fondamentali.

– Un’economia al servizio delle persone: l’obiettivo della Commissione sarà quello di includere le transizioni digitali e climatiche nell’economia sociale di mercato europea. Salari minimi, lotta alla disoccupazione, sostegno all’istruzione e regime fiscale equo saranno le priorità del nuovo programma.

– Un’Europa più forte nel mondo: il nuovo programma di lavoro sarà ricco di iniziative con una forte dimensione esterna. Saranno delineate strategie per la collaborazione con l’Africa e i Balcani Occidentali e saranno oggetto di attenzione i negoziati per l’adesione della Macedonia del Nord e dell’Albania.

– Proteggere il nostro stile di vita europeo: le principali aree di lavoro della Commissione saranno la riforma politica in materia di asilo, con un nuovo patto sulla migrazione e l’asilo, la protezione della salute e nuova strategia in materia di sicurezza.

– Un nuovo slancio per la democrazia europea: si svolgerà la conferenza sul futuro dell’Europa, durante la quale i cittadini potranno partecipare alla definizione delle azioni dell’Unione. Verrà valutato come le nuove realtà demografiche incidono su vari aspetti della vita, quali occupazione, previdenza sociale, sanità pubblica, politica generale.

Le sei tematiche sono suddivise in 43 obiettivi specifici definiti nell’Allegato 1 al Programma di Lavoro.

Consulta il comunicato stampa ufficiale per approfondimenti.