EU Aid Volunteers: priorità e bandi per il 2017

2004

L’iniziativa EU Aid Volunteers dà l’opportunità ai cittadini europei e ai residenti di lungo periodo con i più diversi bagagli di competenze e di esperienze personali di partecipare a progetti di assistenza umanitaria in Paesi terzi attraverso il lavoro volontario sia in situ sia online. L’iniziativa ha lo scopo di aumentare la capacità dell’Unione Europea di fornire aiuto umanitario basato sui bisogni reali delle popolazioni in situazioni di crisi attraverso il dispiegamento di volontari opportunamente formati e competenti. Dall’altro lato, ha lo scopo di rafforzare la resilienza delle comunità vulnerabili dei Paesi terzi attuando progetti in congiunzione tra operatori umanitari esperti e organizzazioni locali dei Paesi interessati.

Il 2016 è stato segnato dal lancio dei primi 10 progetti per lo sviluppo di capacità (capacity building) e l’assistenza tecnica alle organizzazioni che si preparano per ricevere la certificazione e di 2 progetti sull’impiego di volontari, la pubblicazione delle prime 44 vacancy per volontari, la creazione di un programma di formazione e la sua implementazione su 100 candidati volontari, la certificazione di 80 organizzazioni di invio e di ricezione e il lancio della EU Aid Volunteers Platform.

Cosa c’è in programma per il 2017?

Gli obiettivi di quest’anno saranno:

  • Contribuire alla gestione del rischio e al rafforzamento della resilienza in Paesi vulnerabili o colpiti da emergenze e crisi: preparazione al rischio e sua prevenzione e riduzione, recupero da catastrofi naturali o antropiche, sistemi di allerta;
  • Preparare la selezione, la formazione e il collocamento di 525 volontari in Paesi terzi colpiti da catastrofi;
  • Continuare l’attività di sviluppo delle capacità e l’assistenza tecnica per le organizzazioni di invio e di ricezione includendo gli strumenti e i metodi per l’allerta preventiva;
  • Continuare l’implementazione del programma formativo per i volontari candidati;
  • Continuare a sostenere la fornitura di assicurazione per i volontari, apprendisti e partecipanti alle attività di capacity building che si svolgeranno in UE finanziate secondo il Programma di lavoro del 2014;
  • Continuare l’attività di certificazione delle organizzazioni di invio e di ricezione dei volontari;
  • Sviluppare la Piattaforma EU Aid Volunteers;
  • Promuovere la disseminazione dell’iniziativa EU Aid Volunteers;
  • Svolgere la valutazione intermedia relativa all’implementazione dell’iniziativa.

Che cosa devono fare le organizzazioni interessate a partecipare?

Innanzitutto devono ottenere la certificazione come organizzazione di invio o di ricezione di volontari.

In seguito devono creare un network di organizzazioni europee e dei Paesi terzi e candidare un progetto per il finanziamento dell’impiego di volontari in attività di riduzione/prevenzione del rischio e di risposta alle emergenze.

Le organizzazioni non ancora certificate, inoltre, possono candidare o partecipare a un progetto per ricevere assistenza tecnica (se si tratta di organizzazioni di invio) o per lo sviluppo delle capacità (per le organizzazioni ospitanti).

I bandi per assistenza tecnica, capacity building e impiego dei volontari saranno pubblicati entro l’inizio dell’estate 2017 su questo sito.

Gli interessati a partecipare come volontari possono trovare tutte le informazioni necessarie sulla EU Aid Volunteers Platform.