Agenda Urbana UE: al via partenariati su economia circolare, digitale, occupazione, mobilità

1682

A febbraio 2017 altri 4 partenariati tematici nell’ambito dell’Agenda Urbana dell’Unione Europea hanno inaugurato ufficialmente il proprio lavoro, che sarà incentrato su Economia circolare, Transizione digitale, Occupazione e abilità nell’economia locale e Mobilità urbana. Ai partenariati partecipano, su un piano di parità, autorità nazionali e locali, istituzioni europee, associazioni e altri soggetti della vita urbana e le città e promuovono pratiche e proposte per migliorare la qualità di vita degli abitanti.

Durante i meeting di lancio, i nuovi partenariati hanno ufficializzato il proprio Orientation Paper che delimita gli obiettivi, le questioni chiave affrontate e la pianificazione delle azioni sui tre anni di attività. L’obiettivo finale è di elaborare e implementare un Piano d’Azione, atteso per gennaio 2018, con proposte che mirano a:

> una migliore regolamentazione, ossia a migliorare la legislazione UE in modo che rifletta maggiormente i bisogni, le pratiche e le responsabilità nel settore urbano;

> un migliore accesso e utilizzo dei fondi europei da parte delle aree urbane;

> un migliore scambio di conoscenze al fine di espandere la base di conoscenze nel settore urbano a livello europeo e stimolare la condivisione di buone pratiche e cooperazione tra le aree urbane.

Il partenariato sull’Economia circolare, coordinato dalla città di Oslo (Norvegia), ha l’obiettivo di favorire riutilizzo, ristrutturazione e riciclo di materiali e prodotti esistenti per promuovere la crescita e nuove opportunità di lavoro. Il focus sarà posto sulla gestione e l’upgrading dei rifiuti, la sharing economy e l’efficienza delle risorse.

Il partenariato sulla Transizione digitale, coordinato dall’Estonia e dalle città di Oulu (FI) e Sofia (BG), ha l’obiettivo di fornire servizi pubblici migliori ai cittadini e di creare opportunità di business. In particolare riguarderà un migliore utilizzo degli open data, raccolta e gestione dei dati (incluse le questioni legate a proprietà e privacy) e servizi digitali.

Il partenariato su Occupazione e abilità, coordinato dalla Romania e dalle città di Rotterdam (NL) e Jelgava (LV), ha come obiettivi la prosperità e l’aumento dell’occupazione da ricercare attraverso: attrazione, creazione e consolidamento di imprese, produzione e consumo su scala locale, sostegno a nuovi modelli di lavoro e migliore match tra domanda e offerta di competenze.

Il partenariato sulla Mobilità urbana, coordinato dalla Repubblica Ceca e dalla città di Karlsruhe (DE), porrà l’attenzione su trasporti pubblici, mobilità soft (mobilità a piedi e in bicicletta e spazi pubblici), accessibilità (per persone con disabilità, anziani, bambini, ecc.) e trasporti efficienti con migliori connessioni a livello locale e regionale.

Questi partenariati vanno a complementare il lavoro di quelli già lanciati nel 2015-2016 riguardanti Qualità dell’aria, Housing, Inclusione di migranti e rifugiati e Povertà urbana. Nella primavera 2017, infine, saranno avviate le ultime 4 partnership relative a Adattamento climatico, Transizione energetica, Appalti pubblici innovativi e responsabili e Utilizzo responsabile della terra e soluzioni basate sulla natura.

Ulteriori informazioni sulle attività dei partenariati e sui rispettivi Action Plan saranno pubblicate su un nuovo sito web interattivo disponibile a questo link a partire da metà marzo 2017.