Al via il nuovo bando FSE+ per contrastare il lavoro sommerso!

138

È aperto il bando “Attività nel settore del contrasto al lavoro sommerso“, finanziato dalla componente EaSI del Fondo Sociale Europeo Plus con un budget complessivo di 1.500.000 euro.

L’obiettivo del bando è promuovere lo sviluppo di iniziative innovative che contribuiranno a migliorare l’attuazione, l’applicazione e la conoscenza della normativa UE e nazionale in materia di lavoro sommerso, attraverso il coinvolgimento di attori pertinenti.

Il bando sosterrà progetti inerenti ad almeno una delle seguenti attività:

  • Corsi di formazione comuni per il personale coinvolto nelle attività di contrasto
  • Ispezioni congiunte e scambio di personale delle autorità di contrasto
  • Assistenza tecnica ad altri organismi di contrasto UE/SEE
  • Sistemi di scambio di informazioni
  • Condivisione di informazioni e apprendimento reciproco tra autorità di contrasto
  • Campagne di sensibilizzazione congiunte/campagne specifiche settoriali/campagne regionali transfrontaliere

È previsto il finanziamento di 3 progetti, che dovranno avere una durata di 18 mesi e potranno richiedere una sovvenzione compresa tra 150.000 euro e 750.000 euro. Il cofinanziamento potrà coprire l’80% dei costi totali ammissibili.

I beneficiari del bando sono:

  • Autorità pubbliche (ispettorati del lavoro, ispettorati di sicurezza sociale, autorità fiscali, autorità doganali, organismi che si occupano di migrazione, ministeri competenti in materia di lavoro sommerso, polizia, magistratura)
  • Parti sociali

I candidati potranno partecipare al bando come soggetti singoli o come consorzi, a condizione che il singolo o il capofila del progetto siano stabiliti in uno dei paesi UE o EFTA/SEE.

Il bando scade il 28 settembre 2021.

Leggi i dettagli.