Un miliardo di euro nelle regioni lungo le sue frontiere esterne

1444

La Commissione europea ha adottato una serie di programmi di cooperazione transfrontaliera, per un totale di un miliardo di euro, a sostegno dello sviluppo sociale ed economico delle regioni situate su entrambi i lati delle frontiere esterne dell’UE.

E’ data priorità ai progetti che promuovono lo sviluppo sostenibile lungo le frontiere esterne dell’UE, in modo da ridurre le differenze nel tenore di vita e affrontare le sfide comuni. Quattro le priorità per ciascun programma: sviluppo delle PMI, cultura, ambiente e cambiamenti climatici, lotta contro la povertà, istruzione e ricerca, energia, accessibilità e gestione delle frontiere.

Tale pacchetto di misure finanzierà progetti in 27 paesi: Armenia, Georgia, Repubblica di Moldova, Ucraina e Russia ad est; Egitto, Israele, Giordania, Libano, Palestina, Tunisia; Stati membri dell’UE (Bulgaria, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia), oltre a Norvegia e Turchia. I finanziamenti provengono dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e dallo strumento europeo di vicinato (ENI). Le convenzioni di finanziamento tra i paesi partner e l’UE saranno formalizzate entro la fine del 2016. Le sovvenzioni saranno assegnate attraverso inviti a presentare proposte, che dovrebbero essere pubblicati nel corso del 2016 o all’inizio del 2017.

Di seguito la comunicazione ufficiale