Al via il 2° bando Interreg Europe

2266

Dal 5 aprile 2016 è aperta la piattaforma online (www.iolf.eu) per le candidature dei progetti nell’ambito del II bando del Programma Interreg Europe 2014-2020.

La call è volta alla realizzazione di progetti di cooperazione interregionale per il miglioramento dell’attuazione di programmi e politiche di sviluppo regionale attraverso lo scambio di esperienze e di policy learning.

Le proposte dovranno concentrarsi su un solo obiettivo specifico appartenente a uno dei 4 assi prioritari:

ASSE 1 – Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione

OS 1.1. – Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – nel settore dell’infrastruttura e delle capacità di ricerca e innovazione, soprattutto nel quadro delle strategie di smart specialization.

OS 1.2. – Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi  dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – che supportano le catene d’innovazione regionali nelle aree di smart specialization

ASSE 2 – Migliorare la competitività delle PMI

OS 2.1. – Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – attraverso il sostegno delle PMI in tutte le fasi del ciclo produttivo, al fine di stimolarne la crescita e l’impegno nell’innovazione.

ASSE 3 – Sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio

OS 3.1. – Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – indirizzandoli verso la transizione a un’economia a basse emissioni di carbonio, specie nel quadro delle strategie di smart specialisation

ASSE 4 – Proteggere l’ambiente e promuovere l’efficienze delle risorse

OS 4.1. – Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’Obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – nei settori della protezione e dello sviluppo del patrimonio naturale e culturale

OS 4.2. – Migliorare l’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale – in particolare dei programmi dell’obiettivo Investimento per la Crescita e Occupazione e, se del caso, dei programmi di CTE – mirati ad accrescere l’uso efficiente delle risorse, la crescita verde, l’eco-innovazione e la gestione delle performance ambientali.

Si segnala che, a seguito dell’alto numero di candidature per l’Asse 1 e 2 al primo bando, si incoraggiano le iniziative nell’ambito degli altri due Assi e, in particolare, dell’Asse 4.

Il cofinanziamento da parte del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) coprirà l’85% dei costi ammissibili per autorità pubbliche o enti di diritto pubblico e il 75% per enti privati no-profit con sede all’interno dell’UE 28.

Gli organismi con sede in Norvegia e Svezia riceveranno un cofinanziamento da parte dei rispettivi fondi nazionali.

L’application pack e i template necessari sono ora scaricabili sul sito www.interregeurope.eu.  Sono inoltre disponibili strumenti di assistenza per i capofila al link ufficiale.

La call chiuderà il 13 maggio 2016 alle ore 12.