Diritti e partecipazione democratica: in arrivo nuovo bando REC

1671

Il 17 novembre 2016, nell’ambito del programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza, uscirà il bando “Azioni volte a favorire l’inclusione e la partecipazione dei cittadini europei alla vita civile e politica dei Paesi Ue di accoglienza” (REC-RCIT-CITI-AG-2016) con una dotazione di bilancio di 1.161.000 euro.

Questo bando sostiene progetti che promuovono le politiche europee relative alla cittadinanza, in particolare facilitando l’esercizio del diritto alla libera circolazione e dei diritti elettorali derivanti dalla cittadinanza europea.

La priorità del bando sarà quella di migliorare l’inclusione e la partecipazione dei cittadini europei nei Paesi di accoglienza e in particolare il loro attivo coinvolgimento nella vita civica e democratica.

Le attività che saranno finanziate sono relative allo sviluppo, identificazione e promozione dello scambio e della disseminazione di migliori pratiche volte a migliorare la partecipazione dei cittadini europei alla vita democratica e civica del Paese UE che li ospita (per esempio attraverso sportelli unici di informazione per i nuovi arrivati), messe in atto in Europa a livello locale, regionale e nazionale. La priorità sarà data ad attività che aumentino la consapevolezza dei cittadini UE riguardo ai propri diritti, in particolare il diritto alla libera circolazione, per aumentare il loro coinvolgimento nel Paese di accoglienza e per rafforzare la loro capacità di far valere questi diritti.

Inoltre, sarà data priorità alle candidature che cercano di potenziare la partecipazione dei cittadini europei (in particolare quelli in mobilità) al processo democratico, che affrontano le ragioni alla base della scarsa affluenza degli elettori alle urne, che mirano a sensibilizzare e a promuovere il diritto a partecipare alle elezioni locali nei Paesi di accoglienza, rafforzando la dimensione europea di tali elezioni.

Il bando è rivolto a organizzazioni pubbliche e private stabilite in un Paese membro, Islanda e Liechtenstein e a organizzazioni internazionale. Le organizzazioni a scopo di lucro possono presentare proposte solo in partenariato con soggetti no-profit.

I progetti devono avere una durata massima di 24 mesi. Il contributo UE copre l’80% dei costi ammissibili di ciascun progetto e deve essere compreso tra 150.000 e 500.000 euro.

La scadenza del bando è fissata al 17 gennaio 2017.

Per approfondimenti visitare questo sito.