Un’Europa che protegge, dà forza e difende: Programma di lavoro 2017 della CE

1725

La Commissione europea ha presentato il Programma di lavoro per il 2017 dal titolo “Un’Europa che protegge, dà forza e difende”, il documento in cui spiega come intende lavorare alle 10 priorità politiche individuate dalla Presidenza Juncker e le azioni che prevede di realizzare durante il 2017.

Il Programma dà seguito alla Dichiarazione di Bratislava e alla relativa Tabella di marcia, risultate da una riunione tenutasi nella capitale slovacca a settembre scorso tra Capi di Stato e di Governo dei Paesi membri, per fare una diagnosi dello stato dell’Unione a seguito della Brexit e delle sfide poste dalle migrazioni e dal terrorismo. La Tabella di marcia elaborata delinea una serie di misure molto importanti per il futuro dell’UE in vista del 60° anniversario della firma dei trattati di Roma nel marzo 2017, e riguardano tre ambiti chiave: migrazioni e frontiere esterne, sicurezza esterna e interna, sviluppo socio-economico e giovani.

Il Programma di lavoro della Commissione si inserisce dunque in questa strategia d’azione e prevede i seguenti interventi:

  • 21 iniziative principali, nuove proposte concrete che contribuiranno alla visione a lungo termine dell’Unione europea, delineata a Bratislava
  • l’aggiornamento di 18 atti legislativi vigenti, nell’ambito di REFIT (il programma della Commissione per controllare l’adeguatezza e l’efficacia della regolamentazione al fine di riesaminare la normativa dell’UE in vigore per garantirne l’adeguatezza agli obiettivi)
  • 35 dossier prioritari in sospeso sui quali la Commissione chiede ai co-legislatori di adottare rapidamente provvedimenti
  • 19 proposte da ritirare
  • 16 atti da abrogare

Riassumiamo di seguito le 21 iniziative previste nell’ambito delle 10 priorità della Presidenza Juncker:

  1. Nuovo impulso a occupazione, crescita e investimenti

– implementare un’iniziativa per i giovani

– implementare un piano d’azione sull’attuazione dell’economia circolare

– predisporre un nuovo quadro finanziario pluriennale per il post 2020

  1. Mercato Unico Digitale

-costruire una revisione intermedia del mercato unico digitale

  1. Unione resiliente dell’energia con una politica lungimirante sul cambiamento climatico

-attuare la strategia per l’energia dell’Unione, lavorando sui veicoli e sulla mobilità a basse emissioni

  1. Mercato interno consolidato e più equo con una base industriale rafforzata

-attuare la strategia per il mercato unico

-attuare la strategia spaziale per l’Europa

-attuare il piano d’azione per l’Unione dei mercati dei capitali

-presentare proposte per un’imposizione più equa delle imprese

  1. Unione monetaria ed economica più profonda ed equa

-proporre nuove idee per la riforma dell’UE a 27 e il rafforzamento dell’Unione economica e monetaria

-proporre un pilastro europeo dei diritti sociali

  1. Accordo di libero scambio ragionevole e bilanciato con gli Stati Uniti

-implementare la strategia “Commercio per tutti” e portare avanti i negoziati con i partner rafforzando, al contempo, gli strumenti di difesa commerciale dell’UE

  1. Area di giustizia e di diritti fondamentali basata sulla fiducia reciproca

-adoperarsi per allineare le norme in materia di protezione dei dati personali e della vita privata

-creare un’Unione della sicurezza per lottare contro il terrorismo

  1. Verso una nuova politica sulle migrazioni

-realizzare l’Agenda europea sulla migrazione

  1. UE come attore globale rinforzato

-attuare il piano d’azione europeo per la difesa che preveda un fondo dedicato

-attuare la strategia globale UE

-attuare la Strategia dell’UE per la Siria

-dare nuovo slancio al partenariato Africa – UE

  1. Cambiamento democratico

-modernizzare le procedure di comitatologia

-realizzare un approccio più strategico per l’applicazione del diritto dell’Unione europea

Il Programma di lavoro è disponibile in originale a questo link.