Ecco la proposta di nuovo Programma di azione dell’UE per l’ambiente fino al 2030

2546

La Commissione europea ha adottato una proposta di decisione relativa all’8° Programma d’azione per l’ambiente (PAA), che sostituirà il 7° Programma in scadenza il 31 dicembre 2020.

Il nuovo PAA ha l’obiettivo di accelerare la transizione giusta e inclusiva dell’Unione verso un’economia climaticamente neutra entro il 2050, efficiente sotto il profilo delle risorse, pulita e circolare, nonché conseguire gli obiettivi ambientali dell’Agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, sostenendo appieno la strategia delineata dal Green Deal europeo.

Esso include per la prima volta anche un quadro di monitoraggio, misurazione e comunicazione per misurare i progressi verso tali obiettivi.

L’8° PAA si articola in sei obiettivi tematici prioritari:

  • ridurre in modo irreversibile e graduale le emissioni di gas a effetto serra e aumentare l’assorbimento da pozzi naturali e di altro tipo al fine di realizzare l’obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 e conseguire la neutralità climatica entro il 2050
  • fare costanti progressi nella capacità di adattamento, nel consolidamento della resilienza e nella riduzione della vulnerabilità ai cambiamenti climatici
  • progredire verso un modello di crescita rigenerativo che restituisca al pianeta più di quanto prenda, dissociando la crescita economica dall’uso delle risorse e dal degrado ambientale e accelerando la transizione a un’economia circolare
  • perseguire l’obiettivo “inquinamento zero” per un ambiente privo di sostanze tossiche e proteggere la salute e il benessere dei cittadini dai rischi ambientali e dagli effetti connessi
  • proteggere, preservare e ripristinare la biodiversità e rafforzare il capitale naturale – in particolare l’aria, l’acqua, il suolo e le foreste, le acque dolci, le zone umide e gli ecosistemi marini
  • promuovere la sostenibilità ambientale e ridurre le principali pressioni ambientali e climatiche connesse alla produzione e al consumo, in particolare nei settori dell’energia, dello sviluppo industriale, dell’edilizia e delle infrastrutture, della mobilità e del sistema alimentare.

Il Programma verrà implementato con il sostegno dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) e dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA).

L’approvazione del Programma è attesa nel 2021.

Leggi maggiori informazioni e consulta il testo completo della proposta di decisione.