ERASMUS+ : bando per progetti nel settore dello SPORT

1173

L’Unione europea lancia con Erasmus+ il primo tentativo di programmazione nel settore dello sport allo scopo di promuovere la cultura sportiva contro le minacce del doping, delle partite truccate e della violenza e stimolare a condurre uno stile di vita sano grazie all’attività fisica.

Per l’azione specifica “Sport” sono previste due diverse tipologie di progetti da presentare:

  1. Partenariati collaborativi

Obiettivi

  • combattere il doping negli sport popolari, a livello di base, in particolare nello sport amatoriale e nel fitness;
  • supportare la prevenzione e sensibilizzare gli attori coinvolti nella lotta contro le partite truccate;
  • supportare approcci educativi, innovativi e di prevenzione per contrastare la violenza, il razzismo e l’intolleranza nello sport;
  • sostenere l’attuazione dei documenti politici dell’UE nel settore dello sport e di altri settori politici pertinenti, quali raccomandazioni, linee guida, strategie politiche, ecc (ad esempio “Linee guida europea sull’attività fisica”, “Linee guida europee sulla carriera parallela degli atleti”, principi di buona governance nello sport, ecc.). 

Azioni
I partenariati collaborativi mirano a creare network nel settore sportivo, soprattutto per quanto riguarda gli sport popolari, stabilendo cooperazioni transnazionali tra attori attivi nel settore a livello europeo. Le attività finanziate possono riguardare l’identificazione e condivisione di buone pratiche; attività di sensibilizzazione sul valore dello sport; attività per promuovere sinergie innovative tra settore dello sport e i campi della sanità, istruzione, formazione e gioventù, ecc.

Il partenariato collaborativo si sviluppa a livello transnazionale coinvolgendo almeno 5 organizzazioni di 5 diversi paesi ammissibili al programma.

Contributo finanziario
Per l’anno 2014 il budget messo a disposizione per il settore sport ammonta a 16,6 milioni di Euro. Per i partenariati collaborativi il finanziamento massimo previsto è di 500.000 Euro, corrispondente all’80% delle spese totali ammissibili.
 

2.    Eventi sportivi europei non a scopo di lucro

Obiettivi

  • sostenere l’attuazione delle strategie UE nel campo dello sport puntando all’inclusione sociale e alle pari opportunità, in particolare la strategia UE sulla parità di genere e la strategia europea sulla disabilità;
  • sostenere l’attuazione delle “Linee guida europee sull’attività fisica”, per favorire la partecipazione nello sport;
  • sostenere l’eventuale organizzazione della “Settimana europea dello sport”.

Azioni
L’azione supporta la realizzazione di eventi sportivi a carattere europeo, o anche nazionali organizzati simultaneamente in diversi paesi europei, dalla preparazione allo svolgimento di tale evento. Rientrano nelle attività finanziate la formazione di atleti, allenatori, organizzatori; organizzazione di attività di comunicazione e informazione dell’evento sia in svolgimento che una volta terminato.

Non sono invece finanziabili:

  • Gare regolarmente organizzate da federazioni sportive internazionali, europee o nazionali con base annuale;
  • Gare sportive per professionisti.

L’evento sportivo europeo non a scopo di lucro  coinvolge partecipanti di almeno 12 diversi  paesi ammissibili al programma.

Contributo finanziario
Per l’anno 2014 il budget messo a disposizione per il settore sport ammonta a 16,6 milioni di Euro. Il contributo finanziario previsto per gli eventi sportivi europei non a scopo di lucro corrisponde a un finanziamento massimo di 2 milioni di Euro, coprendo  fino all’80% delle spese totali ammissibili.

Beneficiari
L’azione Sport di Erasmus+ è aperta a qualsiasi tipo di organizzazione non profit e ente pubblico attivo nel settore sportivo, stabilito in uno dei paesi ammissibili del programma.

I paesi ammissibili sono:
– 28 Stati Ue;
– paesi EFTA/SEE – Islanda, Liechtenstein, Norvegia;
– paesi candidati  – Turchia, l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia;
– la Confederazione svizzera.
Inoltre, possono partecipare in questo caso esclusivamente ai partenariati collaborativi anche organizzazioni di paesi terzi (paesi della Politica europea di Vicinato e altri paesi partner del mondo da verificare nella Guida ufficiale) in veste di partner, non come capofila.

Scadenza
Per entrambe le tipologie di progetto, la scadenza prevista è il 15 maggio 2014 – ore 12:00 (orario di Bruxelles). I progetti inizieranno a partire dal 1°gennaio 2015.