ERASMUS+: bando sulla sperimentazione di politiche europee nell’educazione, formazione e gioventù

1929

Il 13 ottobre 2015 è stato pubblicato il secondo bando nell’ambito dell’azione chiave 3 del programma Erasmus+ dedicata al sostegno di sperimentazioni di politiche europee nel campo dell’educazione, della formazione e della gioventù. In particolare la KA3 del programma, mira a rafforzare e promuovere la cooperazione con le organizzazioni della società civile nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù poiché viene ritenuta essenziale per creare un ampio senso di appartenenza in relazione alle strategie e alle politiche di apprendimento permanente, nonché per tenere conto delle idee e delle preoccupazioni delle parti interessate ad ogni livello.

Al fine di attuare tale cooperazione, Il presente bando è aperto a due categorie di enti: le organizzazioni non governative europee (ENGO) e le reti a livello UE (reti informali).

L’obiettivo del bando è fornire un sostegno strutturale, denominato sovvenzione di funzionamento, alle organizzazioni non governative europee (ENGO) e alle reti dell’UE attive nel settore della gioventù, che perseguono i seguenti obiettivi generali:

  • sensibilizzare le parti interessate riguardo ai programmi politici europei in materia di gioventù, in particolare la strategia dell’UE per la gioventù;
  • rafforzare l’impegno delle parti interessate e intensificare la cooperazione con le autorità pubbliche per l’attuazione delle politiche e delle riforme nel settore della gioventù, come l’applicazione delle raccomandazioni specifiche per paese formulate nel quadro del Semestre europeo;
  • incoraggiare la partecipazione delle parti interessate nel settore della gioventù;
  • stimolare il coinvolgimento delle parti interessate nella divulgazione, fra i loro membri di appartenenza e oltre, delle azioni e dei risultati relativi alle politiche e ai programmi, nonché delle buone pratiche.

A livello di attività ammissibili, gli enti candidati devono presentare un piano di lavoro coerente integrando attività senza scopo di lucro orientate ai giovani e funzionali al perseguimento degli obiettivi dell’invito. In particolare:

  • programmi di apprendimento e di attività non formali e informali destinati ai giovani e ai giovani lavoratori;
  • attività per lo sviluppo qualitativo del lavoro giovanile;
  • attività per lo sviluppo e la promozione degli strumenti di riconoscimento e trasparenza nel settore della gioventù;
  • seminari, incontri, laboratori, consultazioni, dibattiti dei giovani su politiche giovanili e/o questioni europee;
  • consultazioni dei giovani come contributo al dialogo strutturato nel settore della gioventù;
  • attività per promuovere la partecipazione attiva dei giovani alla vita democratica;
  • attività per promuovere l’apprendimento e la comprensione interculturale in Europa;
  • attività e strumenti riguardanti i media e la comunicazione sui temi relativi ai giovani e sulle questioni europee.

 

Il bando è basato sul nuovo work programme 2016 del programma, approvato lo scorso 14 settembre:

http://ec.europa.eu/dgs/education_culture/more_info/awp/docs/c-2015-6151.pdf

 

——————————

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito del programma Erasmus +:

https://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus_en

Pagina ufficiale dedicata all’azione chiave 3: sostegno alla riforma delle politiche:

https://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/actions/support-for-policy-reforms_en

Il bando, le linee guida e i documenti necessari per l’invio della proposta sono reperibili alla pagina dedicata:

http://eacea.ec.europa.eu/erasmus-plus/funding/civil-society-cooperation-in-field-youth-eacea322015_en