FUNDER35: nuovo bando per organizzazioni culturali condotte da giovani under 35

3385

Fino al 1° luglio 2016 è possibile partecipare al nuovo bando del FUNDER35, sostenuto da 18 fondazioni su tutto il territorio italiano, che si rivolge alle organizzazioni culturali senza scopo di lucro (imprese sociali, cooperative sociali, associazioni culturali, fondazioni, ecc.) composte in prevalenza da under 35 e impegnate principalmente nell’ambito della produzione artistica/creativa in tutte le sue forme o nell’ambito dei servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla protezione, alla circolazione dei beni e delle attività culturali.

FUNDER35 intende selezionare, attraverso il bando, e accompagnare nel loro percorso verso la sostenibilità, per un periodo massimo di tre anni, le migliori imprese giovanili che operano in campo culturale. Pertanto, il contributo si configura come un incentivo destinato a un numero limitato di soggetti che, oltre a distinguersi per la qualità dell’offerta culturale, nonché per una corretta politica del lavoro, si prefiggano chiari obiettivi di sviluppo sostenibile tramite specifici progetti di miglioramento.

I soggetti che intendono partecipare devono soddisfare una serie di requisiti:

– devono essere organizzazioni non profit di natura privata attive da almeno 2 anni alla data di pubblicazione del bando (2 maggio 2016)

– devono avere un Organo di Gestione composto per la maggioranza assoluta (50% più uno) da giovani sotto i 35 anni e/o devono avere affidato le cariche principali a giovani under 35

– devono avere sede operativa e svolgere le proprie attività in Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Valle d’Aosta o nelle province di: Bologna, Modena, Parma e Ravenna in Emilia Romagna; Pordenone e Udine in Friuli Venezia Giulia; La Spezia e Genova in Liguria; Ascoli Piceno e Ancona nelle Marche; Firenze, Livorno e Lucca in Toscana; Belluno, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza in Veneto.

Sono considerati ammissibili al bando unicamente progetti finalizzati a rendere sostenibili nel tempo le imprese proponenti e le loro attività attraverso:

  • azioni mirate al miglioramento/ripensamento della struttura organizzativa (come ad esempio nuovi modelli operativi e strumenti gestionali, iniziative di qualificazione del personale non artistico e dei servizi interni di supporto tramite percorsi di formazione e innesto di competenze manageriali);
  • azioni finalizzate al rinnovamento, anche attraverso l’uso di tecnologie innovative, dei processi e degli strumenti di produzione (funzionali al rafforzamento, all’estensione, alla differenziazione dell’offerta);
  • azioni finalizzate all’introduzione sul mercato di prodotti o servizi di carattere innovativo, in grado di favorire il posizionamento strategico dell’organizzazione;
  • azioni orientate all’attivazione di collaborazioni stabili e aggregazioni/fusioni con altri soggetti del settore nella prospettiva di realizzare economie di scopo e/o di scala.

Non c’è una soglia massima per il contributo da richiedere, ma in ogni caso questo non deve superare il 75% dei costi totali ammissibili del progetto.

Il testo del bando è scaricabile al sito ufficiale.