“Un mare di parole” per contrastare la violenza di genere nel Mediterraneo

1271

Segnaliamo il concorso letterario “Un mare di parole” che giunge alla sua nona edizione trattando il tema della violenza e discriminazione di genere. Il Concorso nasce dalla collaborazione tra l’Istituto europeo per il Mediterraneo e la Fondazione Anna Lindh che insieme lavorano da anni alla lotta contro le ineguaglianze tra i sessi. “Un mare di parole” vuole promuovere la creazione di short stories originali, vere o inventate, provenienti dai 44 Paesi dell’area euro-mediterranea e scritte da giovani tra i 18 e i 30 anni, anche in lingua madre, che raccontino la violenza e la discriminazione di genere nelle loro molteplici declinazioni, rappresentando l’eterogeneità dell’area coinvolta e mettendo in discussione i paradigmi mentali e socio-culturali alla base di questi fenomeni.

L’obiettivo è promuovere una letteratura giovanile sull’argomento, ma anche creare e consolidare reti e spazi di discussione tra attori della società civile dell’Euro-mediterraneo per contrastare la discriminazione e la violenza di genere e favorire la coesistenza di diverse comunità nazionali, culturali, linguistiche ed etniche.

La violenza di genere può prendere una miriade di forme e di espressioni, oltre a quella di tipo puramente fisico o sessuale: si traduce in discriminazione sul luogo di lavoro e nelle cariche di leadership, in differenza nelle retribuzioni tra uomini e donne, nella stereotipizzazione della figura femminile sui media che può ridurla a oggetto sessuale o a donna di casa, ecc. Questi meccanismi deleteri per le vittime, ma anche per le intere società a cui esse appartengono, sono spesso riprodotti in modo automatico e più o meno cosciente e sono evidentemente radicati in una specifica forma mentis che va messa in discussione nelle sue più profonde radici.

Le storie candidate al concorso dovranno pervenire entro il 2 giugno 2016 e passeranno una prima valutazione da parte di una giuria nazionale che selezionerà 5 storie per Paese. Successivamente, una giuria internazionale selezionerà 15 finalisti entro il 28 agosto 2016. La cerimonia di premiazione si terrà l’8 novembre 2016 a Barcellona. Le opere selezionate saranno raccolte in un e-book, sia in lingua originale, sia tradotte in inglese e gli autori saranno invitati a un laboratorio di scrittura e a una visita guidata in una città della Spagna simbolo di fusione tra culture nei giorni che seguono la premiazione, il tutto senza spese a carico. Inoltre, il primo classificato sarà invitato a far parte della giuria di valutazione della prossima edizione del concorso.

Per informazioni e candidature: http://www.iemed.org/dossiers-en/dossiers-iemed/cultures-mediterranies/a-sea-of-words-2016/un-mar-de-paraules-2016.