Cultura Crea: al via il programma di incentivi per imprese culturali e creative

13408

Il 15 settembre si apriranno le candidature al programma “Cultura Crea” sostenuto dal PON FESR Cultura e Sviluppo. Si tratta di un programma di incentivi per creare e sviluppare iniziative imprenditoriali nel settore dell’industria culturale-turistica e per sostenere le imprese no profit che puntano a valorizzare le risorse culturali del territorio nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Cultura Crea è promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact). Gli incentivi del Programma sono gestiti da Invitalia – Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA.

Il programma prevede tre linee di intervento per:

  1. Creazione di nuove imprese nell’industria culturale: supportare la nascita di nuove imprese nei settori “core” delle cosiddette industrie culturali, promuovendo processi di innovazione produttiva, di sviluppo tecnologico e di creatività. Si rivolge alle imprese dell’industria culturale costituite negli ultimi 36 mesi, comprese le cooperative e ai team di persone fisiche che vogliono costituire una impresa, purché la costituzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni. Sono finanziabili programmi di investimento fino a 400.000 euro. Le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e prevedono: 1.un finanziamento agevolato a tasso zero, fino al 40% della spesa ammessa; 2. un contributo a fondo perduto fino al 40% della spesa ammessa. In entrambi i casi il tetto delle agevolazioni è elevabile al 45% per i progetti presentati da imprese femminili, giovanili o in possesso del rating di legalità.
  1. Sviluppo delle imprese dell’industria culturale e artistica: consolidare e sostenere l’attività dei soggetti economici esistenti nella filiera culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e dei prodotti tradizionali e tipici, promuovendo la realizzazione di prodotti e servizi finalizzati all’arricchimento, diversificazione e qualificazione dell’offerta turistico-culturale degli ambiti territoriali di riferimento degli attrattori. Si rivolge alle imprese costituite in forma societaria da non meno di 36 mesi, incluse le cooperative che vogliono presentare progetti di investimento nei settori dell’industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e dei prodotti tipici locali. Sono finanziabili programmi di investimento fino a 500.000 euro. Le agevolazioni, concesse nei limiti del regolamento de minimis, prevedono: 1. finanziamento agevolato a tasso zero fino al 60% della spesa ammessa, elevabile al 65% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità; 2. contributo a fondo perduto fino al 20% della spesa ammessa, elevabile al 25% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.
  1. Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale: favorire la nascita e la qualificazione di servizi e attività connesse alla gestione degli attrattori e alla fruizione e valorizzazione culturale, realizzate da soggetti del terzo settore. Si rivolge alle imprese – incluse le cooperative – e ad altri soggetti del terzo settore che hanno programmi di investimento fino a 400.000 euro. Le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e prevedono un contributo a fondo perduto fino all’80% della spesa ammessa, elevabile al 90% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.

Il budget complessivo di Cultura Crea ammonta a circa 107 milioni di euro, suddivisi in 42 milioni per la nascita di nuove imprese, 38 milioni per il sostegno alle imprese già attive e 27 milioni per il terzo settore.

E’ prevista, inoltre, una dotazione finanziaria aggiuntiva di 7 milioni di euro da ridistribuire proporzionalmente sui tre filoni.

Al fine di presentare il programma e fornire supporto agli interessati, Invitalia organizza una serie di seminari alla fine dei quali è possibile prenotarsi per incontri one-to-one e approfondire eventuali progetti d’impresa già esistenti. Il calendario è il seguente:

19-20 settembre: Taranto

26-27 settembre: Reggio Calabria

10-11 ottobre: Caserta

24-25 ottobre: Siracusa

7-8 novembre: Matera

In alternativa, è disponibile un ciclo di webinar (7-14-21-28 settembre) per chi non potesse partecipare agli incontri.

Tutte le informazioni e la documentazione necessaria sono disponibili su questo sito.