Citizens, Equality, Rights and Values 2021-2027: ecco i primi bandi del nuovo programma!

1289

Sono stati pubblicati i primi bandi 2021 del nuovo programma “Citizens, Equality, Rights and Values” (CERV), volto a rafforzare e promuovere i diritti fondamentali, lo stato di diritto e la democrazia all’interno dell’UE.

Il programma CERV 2021-2027 sostituisce e integra i precedenti programmi “Rights Equality and Citizenship – REC” ed “Europa per i Cittadini”.

Per il biennio 2021-22, il programma dispone di 292 milioni di euro destinati alle organizzazioni della società civile attive a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale impegnate nella difesa dei valori e dei diritti dell’UE.

I bandi annunciati sul Funding&Tender Opportunities Portal sono i seguenti:

Call for proposals to prevent and combat gender-based violence and violence against children (budget: 17.700.000 EUR – scadenza: 15 giugno 2021)

All’interno di questo bando saranno finanziate azioni su due priorità:

  1. individuazione precoce, prevenzione e sostegno a donne, bambini, giovani e LGBTIQ vittime o potenziali vittime di violenza, con particolare attenzione alle situazioni emergenti dalla pandemia COVID-19
  2. prevenzione della violenza di genere e coinvolgimento di uomini e ragazzi

Call for proposals to promote equality and to fight against racism, xenophobia and discrimination (budget: 9.900.000 EUR – scadenza: 15 giugno 2021)

All’interno di questo bando verranno finanziate azioni che perseguono le seguenti priorità:

  1. contrastare l’intolleranza, il razzismo, la xenofobia, la discriminazione, i discorsi e i crimini d’odio
  2. promuovere la gestione della diversità e l’inclusione sul posto di lavoro, sia nel settore pubblico che privato
  3. combattere la discriminazione contro le persone LGBTIQ e promuovere l’uguaglianza LGBTIQ
  4. prevenire, segnalare e contrastare i discorsi d’odio online
  5. migliorare la risposta delle autorità pubbliche alla discriminazione multipla e intersezionale, al razzismo e alla xenofobia (priorità ristretta alle autorità pubbliche)

Per la prima, seconda, terza e quarta priorità: il coordinatore e il/i partner devono essere enti pubblici o organizzazioni private (stabilite in uno dei paesi partecipanti al programma) o un’organizzazione internazionale. Le organizzazioni a scopo di lucro devono presentare domande in partenariato con enti pubblici o organizzazioni private senza scopo di lucro. Per la quinta priorità: il candidato deve essere un’autorità pubblica in uno dei paesi partecipanti al programma, mentre i partner devono essere enti pubblici o organizzazioni private senza scopo di lucro.

Call for proposals to protect and promote the rights of the child (budget: 2.160.000 EUR – scadenza 7 settembre 2021)

Questo bando contribuirà a rispondere all’impatto della pandemia COVID-19 sui diritti dei bambini promuovendo l’integrazione di tali diritti nelle risposte alle situazioni di emergenza e contribuirà all’attuazione delle azioni proposte dalla strategia dell’UE sui diritti dei bambini.

Call for proposals limited/restricted to national Data Protection Authorities on reaching out to stakeholders in data protection legislation (budget: 1.850.000 EUR – scadenza: 9 settembre 2021)

Questo bando mira a sostenere ulteriormente le attività svolte dalle autorità nazionali nell’ambito della protezione dei dati. In particolare, saranno finanziate azioni nelle seguenti priorità:

  • facilitare l’adempimento degli obblighi GDPR da parte delle piccole e medie imprese
  • sensibilizzare il pubblico generale sulla normativa GDPR

Questo bando è ristretto ad autorità nazionali di protezione dei dati e i partner devono essere enti pubblici o organizzazioni private.

Tenendo conto delle condizioni specifiche della call 2 e 4, possono partecipare ai bandi sopra menzionati soggetti giuridici pubblici o privati, con sede negli Stati membri dell’Unione europea, paesi del SEE o paesi associati al programma. Le organizzazioni a scopo di lucro, qualora ammesse, devono presentare domande in partenariato con enti pubblici o organizzazioni private senza scopo di lucro.

All’interno di questi bandi, i progetti possono essere nazionali o transnazionali e le proposte devono essere presentate da un consorzio di almeno 2 organizzazioni, ad eccezione della call 4, dove sono permesse candidature singole.

I progetti devono avere durata compresa tra i 12 e i 24 mesi.

Per tutti i progetti, la sovvenzione UE richiesta non può essere inferiore a 75.000 EUR, mentre non è stabilito un limite massimo. Il cofinanziamento UE coprirà al massimo il 90% dei costi totali ammissibili.