A settembre torna Il Tempo delle Donne, laboratorio di idee contro gli stereotipi: quest’anno si riflette sulla forza

Organizzato da La ventisettesima ora, il blog del Corriere della Sera dedicato alle donne e alla parità di genere

142

Forza. La Treccani la descrive così: «in generale, la qualità o la condizione d’esser forte, e insieme anche la causa che dà la possibilità d’esser forte». Senza genere, anche se ancora troppi al giorno d’oggi danno un accento virile al concetto, perché ci hanno insegnato così, per abitudine: sono gli uomini i detentori della forza. Ma esiste un altro genere di forza, letteralmente: è quello su cui intende indagare l’ottava edizione de Il Tempo delle Donne, iniziativa del Corriere della Sera dedicata alla riflessione e al racconto delle donne (e degli uomini) di oggi, con il piede ben saldo sul pedale della parità di genere. È proprio “Un altro genere di forza” il titolo di questa nuova edizione, che si prefigge l’obiettivo di «decostruire il mito della forza virile e aprire un’idea di forza che deve avere cittadinanza nella costruzione del mondo».

Il ricchissimo programma prevede incontri, dibattiti, inchieste, momenti musicali, performance artistiche e workshop in presenza dal 17 al 19 Settembre alla Triennale di Milano e online in streaming sul sito del Corriere della Sera durante tutto il mese. Gli eventi, tutti a accesso libero e su prenotazione (per la presenza fisica è richiesto anche il green pass obbligatorio), vedranno salire sul palco tantissimi ospiti più e meno noti, tra cui Ritanna Armeni, Daniela Scattolin, Alessandra Sarchi, Amalia Ercoli Finzi, Giada, Cathy La Torre, Federica Gasbarro, Marta Bassino, Giada Zhang, Vanessa Ferrari, Sofia Goggia.

Il Tempo delle Donne rappresenta una virtuosa inversione di tendenza rispetto a tanti eventi dedicati alle donne in cui si ripresenta come una maledizione il cosiddetto manel: un panel interamente composto da uomini che parlano di donne in loro assenza. L’organizzazione del Corriere va oltre questo concetto e, al fianco di panel inclusivi di uomini e donne, inserisce un manel completamente incentrato su una tematica tradizionalmente associata alle donne, quella della cura.

Il programma avrà anche un’anticipazione online, il Festival Letterario Scrittrici & Scrittori, con tanti appuntamenti in streaming ricchi di ospiti come Margaret Atwood, Banana Yoshimoto, Muriel Barbery, John Banville e Javier Cercas.